sabato, 22 luglio 2017

Ultimo Aggiornamento07:05:48 PM GMT



FAVOLA BASTARDA

anatroccoli-300x225

C'era una volta un rullo compressore.

Questo rullo era felice, viveva una vita di cose piccole e semplici. Era umile, non sparlava mai a sproposito ed era molto corretto. Faceva sempre il suo mestiere. Era un rullo perfetto.Era uno che non si faceva problemi, uno alla mano, uno che, a differenza di un emo, non stava a lamentarsi per delle boiate, subite dai violenti, dai malvagi e dai vigliacchi, ma trovava sempre soluzioni costruttive ed edificanti alle difficoltà della vita, evitava di vendicarsi se qualcuno gli faceva del male… anzi con animo sereno tirava sempre avanti per la sua strada evitando di rimuginare sulle cose negative del passato.Un giorno, il rullo compressore stava viaggiando felice e gioioso su un viottolo, contento del sole che splendeva e del vento che lo rinfrescava, quando una famiglia di paperelle, giunta per caso sul ciglio della strada, decise di tagliargli la strada attraversandola. Il rullo, un tipo semplice ed alla mano, decise, proprio perchè era uno che non si faceva problemi e sapeva apprezzare il bello della vita, di tirare dritto come se niente fosse e poi era anche in discesa. E poi un rullo non ha un freno.<ciack!> fece mamma Anatra mentre finiva sotto il rullo.<cieck!> fece papà Anatra mentre finiva sotto il rullo.<ciuck!> <cick!> <ciok!> fecero gli anatroccoli mentre finivano sotto il rullo.<peccato!> fece il rullo mentre spezzava le ossa a tutta la famigliola, dicendo questa parola perchè era alla mano, un semplice e non si faceva problemi per i torti subìti.
Questa piccola favola bastarda insegna che fumare sostanze tossiche nuoce gravemente alla salute psichica. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna